1. Contenuto della pagina
  2. Menu principale di navigazione
  3. Menu di sezione

Comune di Scicli - Pagina iniziale

 

Contenuto della pagina

 

Imposta di Soggiorno

Cos'Ŕ l'imposta di soggiorno
L'imposta di soggiorno Ŕ stata adottata dal Comune diScicli (in base alle disposizioni previste dall'art.4 del DecretoLegislativo n.23 del 14 marzo 2011) con deliberazione del ConsiglioComunale n.111 del 09/07/2014 con decorrenza dal 1░ agosto 2014.
Per legge l'imposta Ŕ destinata a finanziare interventi in materia di turismo compresi quelli a sostegno delle strutture recettive, la manutenzione, fruizione e recupero dei beni culturali ed ambientali, nonchÚ i relativi servizi di informazione e intrattenimento. L'imposta si applica in occasione di ogni pernottamento, per ogni persona e per ogni notte, fino un massimo di 10 giorni consecutivi di permanenza.

Chi la paga e chi non la paga
E' soggetto all'imposta chi pernotta nelle strutture recettive che si trovano nel territorio del comune di Scicli e non risulta iscritto all'anagrafe del Comune di Scicli, fatte salve le esenzioni successivamente esplicitate.
La misura dell'imposta Ŕ stabilita come segue:
La misura dell'imposta Ŕ stabilita annualmente con deliberazione dall'Amministrazione Comunale.

L'imposta si applica per persona e per ogni notte trascorsa nelle strutture recettive indicate fino ad un massimo di 10 (dieci) pernottamenti consecutivi, e precisamente:
  - Villaggi Turistici, resort, strutture ricettive alberghiere classificate con 5 stelle:                                            €. 4,00
  - Strutture ricettive alberghiere classificate con 2 - 3 - 4 stelle, ville e dimore di pregio, palazzi nobiliari:     €. 2,00
  - Case vacanze, Bed & Breakfast, Campeggi, aree attrezzate, altre strutture:                                                   €. 1,00
 

I gestori della struttura sono tenuti a dare informazione sulle modalitÓ di applicazione, sull'entitÓ dell'imposta, sulle esenzioni previste, mediante apposizione di nota informativa in spazi dedicati, redatta in lingua italiana.

1. Sono esentati dal pagamento dell'imposta di soggiorno:
a) Minori fino a 12 anni;
b) Coloro che assistono i degenti ricoverati presso strutture sanitarie che si trovano nel territorio comunale (un accompagnatore per paziente, due accompagnatori se il paziente Ŕ un minore). Tale esenzione Ŕ subordinata alla presentazione al gestore di dichiarazione, resa ai sensi delle disposizioni di cui agli articoli 46 e 47 del D.P.R. 445/2000 e s.m.i, contenenti le generalitÓ degli accompagnatori e del degente, durata presunta e periodo della prestazione sanitaria o del ricovero, motivo del soggiorno, che dovrÓ consistere nell'assistenza al degente;
c) Le persone disabili, la cui condizione di disabilitÓ sia evidente o certificata e il loro accompagnatore;
d) Gli appartenenti alle forze di Polizia locale e ai Vigili del fuoco che pernottano per esigenze di servizio e pi¨' in generale i soggetti che alloggiano nelle strutture recettive a seguito di provvedimenti adottati da autoritÓ pubbliche, per fronteggiare situazioni di emergenza conseguenti ad eventi calamitosi, di natura straordinaria o per finalitÓ di soccorso umanitario;
e) Due soggetti per ogni gruppo organizzato da agenzia o operatore turistico pari o superiore a 20 (venti) persone (autista e/o accompagnatore);

2. Possono richiedere la riduzione del 50% dell'imposta di soggiorno:
. gli sportivi di etÓ inferiori ai 16 anni, componenti di gruppi sportivi partecipanti a iniziative e tornei organizzati iN collaborazione con l'Amministrazione Comunale, previa attestazione della Federazione Sportiva di appartenenza.

Come si paga.

I gestori delle strutture sono sostituiti d'imposta rispetto al soggetto passivo dell'imposta che Ŕ colui che alloggianelle strutture recettive.
I gestori pertanto sono tenuti ad informare i propri ospiti sull'applicazione, entitÓ ed esenzioni dell'imposta di soggiorno e dovranno riscuotere l'imposta, rilasciando idonea ricevuta al cliente.
I gestori ai sensi dell'art. 5 del regolamento, debbono comunicare al Comune di Scicli - Settore Entrate per via telematica entro la prima decade di ogni mese il numero dei pernottamenti imponibili nel mese precedente, i giorni di permanenza, le riduzioni ed esenzioni eventualmente spettanti ai sensi del citato regolamento.
La comunicazione sarÓ effettuata solo per via telematica al Comune di Scicli:  protocollo@pec.comune.scicli.rg.it  che accetta anche messaggi da posta elettronica ordinaria.
Contestualmente alla comunicazione telematica, il gestore della struttura recettiva deve trasmettere ricevuta di versamento al Comune di quanto dovuto nel mese considerato.
Il versamento dell'imposta dovrÓ essere fatto mediante bonifico bancario codice IBAN IT 02 V 05036 84520 CC0211182945 o versamento postale sul conto corrente n.11092970 intestato al Comune di Scicli con causale "imposta di soggiorno, mese..... anno.........."

La dichiarazione va presentata anche in caso di nessun pernottamento.


 
 
 
 
 


Settore Entrate
Ufficio Imposta Patrimoniale e Imposta di Soggiorno
Responsabile Rag. Salvatore Miceli
Sig.ra Tiziana Ventura
Ubicazione: via Francesco Mormino Penna, 4
Tel.: 0932/839219 - 0932/839298
Orario di ricevimento: martedý dalle 9,00 alle 13,00 e dalle 15,30 alle 17,30 - giovedý dalle 9,00 alle 13,00