testata per la stampa della pagina
condividi

Sequestro Acif, interviene l'amministrazione comunale

N°1440 del 10/06/2018

"Nel prendere atto del sequestro da parte di Carabinieri del NOE di Catania dell'attività di gestione rifiuti esercitata dalla ditta A.C.I.F. Srl, sita in contrada Cuturi a Scicli, dovuta ad una serie di inottemperanze da parte della stessa ditta rispetto alla Autorizzazione Integrata Ambientale (AIA) rilasciata in data 3 marzo 2016 da parte dell'Autorità Ambientale Regionale, non possiamo non sottolineare come emerga la fondatezza di tutta una serie di rilievi e considerazioni che in atti ufficiali, indirizzati ripetutamente nel corso del 2017 a vari Enti, sono stati sollevati dall'attuale Amministrazione comunale di Scicli.La questione del mega impianto per il trattamento rifiuti speciali e non di contrada Cuturi era stata d'altra parte centrale nella campagna elettorale e nel programma del sindaco e, coerentemente, dopo le elezioni, è stata portata avanti un'energica azione amministrativa in direzione della difesa del territorio e dell'ambiente, utilizzando gli strumenti e le procedure di cui la pubblica amministrazione si può servire, sempre nel massimo rispetto delle regole, senza clamori, senza ricerca di facile notorietà e apparizione su pagine di giornali, ma con la concretezza e serietà che deve avere ogni buon amministratore della cosa pubblica. 
In quest'azione amministrativa significativo è stato l'apporto dei cittadini e delle associazioni, come Legambiente Scicli ma anche Legambiente nazionale, che hanno mantenuto alta l'attenzione della città su una questione che in questi ultimi anni ha coinvolto tutta la cittadinanza suscitando una forte ondata di indignazione e una grande voglia di partecipazione, certamente indicatori positivi del ritorno all'impegno sociale e allo spirito democratico nella comunità.
Restiamo ora però in attesa delle decisioni, formali e non solo verbali, del Presidente della Regione Musumeci e dell'Assessore ai Rifiuti Pierobon, in cui si esprima con chiarezza la volontà della Regione di fare un passo indietro rispetto a tutta la vicenda dell'A.C.I.F., anche e soprattutto con riferimento a tutto l'iter autorizzativo compiuto in passato e che noi riteniamo infondato e viziato, così come ampiamente scritto in documenti prodotti agli Enti regionali e riferito direttamente in incontri con i vertici politici della Regione".

 
 
 

Per ulteriori informazioni:
Ufficio Stampa
Giuseppe Savà
Palazzo Municipale (primo piano)
Via Francesco Mormina Penna
Tel. 0932 839247
g.sava@comune.scicli.rg.it

Valuta questo sito: RISPONDI AL QUESTIONARIO