1. Contenuto della pagina
  2. Menu principale di navigazione
  3. Menu di sezione

Comune di Scicli - Pagina iniziale

 

Contenuto della pagina

Il sindaco Giannone: Abbiamo ripreso i sentieri interrotti

N°2053 del 15/03/2017

Parla di "sentieri interrotti" il sindaco di Scicli Enzo Giannone. Percorsi troncati, che la sua giunta sta riprendendo e riannodando a un prosieguo amministrativo di prospettiva.
Conferenza stampa, lunedì pomeriggio nella sala giunta, per fare il rendiconto dei primi cento giorni di amministrazione, del sindaco e della sua squadra assessoriale. Due ore di dati, notizie, resoconto di cose fatte, in itinere e progettate. 
Innanzitutto una valutazione sul clima politico: "Siamo un'esperienza paragonabile alla prima giunta Falla, nel '98. Parlo con la necessaria serenità  e consapevolezza - spiega il sindaco - dato che io mi confrontai, ancora giovanissimo, contro Falla perdendo al ballottaggio quella sfida elettorale. Abbiamo rotto un sistema di potere politico e partitico, portando al governo della città una classe dirigente giovane, slegata dalle vecchie logiche, aperta. Scicli è oggi una città serena, che non ha atteggiamenti antagonistici nei confronti di nessuno, tantomeno di altre istituzioni dello Stato con le quali, anzi, si lavora in stretta collaborazione: esempio tipico quello del rapporto sereno e costruttivo con organi inquirenti quando questi hanno chiesto documenti e approfondimenti di atti amministrativi per fatti pregressi. Non siamo una Repubblica indipendente. Siamo una città il cui sindaco ha un confronto e un conforto costante appunto con le altre istituzioni, a partire dal Prefetto di Ragusa, punto di riferimento in questa fase di avvio di una nuova stagione amministrativa dopo il commissariamento.
Si agisce nel solco della legalità, sin dalla determina iniziale con cui la giunta ha dettato ai capisettore una sorta di codice etico di comportamento rispetto ai rapporti con tutti i fornitori dell'Ente. I politici fanno i politici e danno direttive politiche che poi compete alla macchina burocratica gestire, nel rispetto totale delle regole e delle leggi. Faccio un esempio concreto:  abbiamo detto e imposto ad assessori e consiglieri di maggioranza che a noi non interessa conoscere neanche il volto del titolare della ditta che gestisce i rifiuti, che non è nostro compito definire il numero dei netturbini e che esso è fissato nel capitolato d'appalto, che i fatti gestionali esulano dal ruolo politico di chi amministra. Chi amministra ha il compito di dettare le regole ai burocrati che gestiscono i servizi nel rispetto dei capitolati d'appalto, facendo rispettare le leggi, da quelle sul reclutamento del personale a quelle sulle condizioni per i pagamenti, a partire dalla regolarità delle documentazioni, in primis i Durc. Il principio di legalità è condizione primaria nella pubblica amministrazione ed è auspicabile che su di esso convergano tutti i soggetti portatori di interessi legittimi, ivi compresi i rappresentanti dei lavoratori.  
Siamo un'amministrazione trasparente, aperta, molto "social": ad esempio, attraverso il profilo pubblico Facebook del sindaco si riesce a raggiungere vette di ventimila utenti in poche ore. Comunichiamo di continuo ai cittadini, rendendo noto tutto quello che accade dentro l'Ente. 
Devo dire che dopo quel momento felice del primo quinquennio Falla, 1998-2003, la città ha scontato un vuoto politico e amministrativo che oggi stiamo recuperando, con l'introduzione di nuova linfa, nuove energie, capacità di visione. Abbiamo detto che la nostra sarà una rivoluzione gentile. E gentile sarà. Ci attendiamo che sul Piano integrato di Iungi, sul mantenimento o meno dello stadio Scapellato, sulla piattaforma di rifiuti speciali di contrada Cuturi, sull'ospedale "Busacca", le critiche siano nel merito delle scelte che operiamo e delle cose che facciamo. Non posso accettare che chi siede da 23 anni in consiglio comunale venga a fare le pulci su nostri ipotetici ritardi, dato che siamo insediati da soli tre mesi! Né che si dica che stiamo semplicemente completando cose iniziate da altri: tenere chiusa una palestra per 16 anni, o 5 anni per riprendere un lavoro pubblico, o 7 anni per definire il Piano integrato sono gravi inadempienze di altri a cui questa amministrazione ha prontamente messo mano, adoperandosi per sistemare procedure e contenziosi accumulatasi in tanti anni di immobilismo. In definitiva stiamo riportando Scicli ad essere una città normale, con grande serenità e semplicità d'azione". 


L'assessore alle Finanze Giorgio Vindigni: "Devo riconoscere al sindaco la capacità di aver creato un clima di grande serenità all'interno dell'Ente. Attendiamo il 20 giugno per l'udienza di merito del Tar del Lazio circa lo sforamento del Patto di Stabilità, abbiamo attivato il servizio di "Pago Pubblica Amministrazione", stiamo revisionando la Tassa di Soggiorno con un nuovo piano di utilizzo, abbiamo rifatto l'organigramma dell'Ente, creando un apposito ufficio Gare e Contratti. Stiamo avviando le procedure per avere una telelettura del servizio idrico, per adeguare i terreni accatastati A5 ed A6, categorie che non esistono più. Sappiamo che Imu e Tasi sono ad oggi sottostimate. Abbiamo costituito un gruppo di lavoro per migliorare le entrate tributarie. 
Metteremo al servizio delle strutture ricettive un software per comunicare le presenze turistiche alla Questura e all'Osservatorio turistico regionale. Siamo in trattativa con gli eredi della Fornace Penna per l'acquisizione al patrimonio comunale del reperto di archeologia industriale. Sappiamo che cambieremo il gestore del servizio di erogazione dell'energia elettrica, mentre abbiamo compulsato Ast e Sais per l'istituzione di nuove corse di trasporto pubblico confacenti alle moderne esigenze di mobilità. Circa i 53 milioni oggetto di un verbale della Finanza, in aprile incontreremo Eni ed Edison per una transazione che tuteli gli interessi del Comune. Abbiamo fatto il riaccertamento dei Residui al 31/12/15, portato il Rendiconto 2015 in Consiglio con parere favorevole del Collegio dei Revisori e della Commissione Bilancio". 


L'assessore all'urbanistica e ai lavori pubblici Viviana Pitrolo: "Il 22 marzo consegneremo il Polivalente, mentre siamo in perizia di variante del campetto finanziato dal Ministero dell'Interno a Donnalucata. Abbiamo terminato l'installazione degli infissi al poliambulatorio di Donnalucata, che a breve diventerà caserma dei carabinieri, mentre stiamo funzionalizzando il Centro servizi a Zagarone per uffici comunali. Siamo in perizia di variante per la realizzazione di 170 loculi al cimitero. Abbiamo fatto un Piano di alienazione immobili, siamo in ritardo nel post mortem nella discarica di San Biagio a causa delle precipitazioni di gennaio. Abbiamo ripreso il progetto del Circes di Palermo per gli ex piani particolareggiati, e sono in esecuzione le fasi per l'attuazione della variante urbanistica (manca ancora il parere della Regione e le osservazioni devono ancora passare dal consiglio comunale) da E4 a E1 delle contrade Cuturi e Fondo Oliva. Abbiamo ripreso il Parco degli Iblei e i vincoli sull'Irminio, stiamo regolamentando il commercio ambulante su suolo pubblico e abbiamo disposto la ri-stesura del regolamento sui Dehors. Stiamo adottando i Regolamenti sugli spazi verdi, sui beni comuni, sulla Cosap (risale al 2011). Sono in fase di espletamento le gare per i lavori di manutenzione strade, attrezzature bambinopoli, fruizione spiaggie e luoghi di cultura.




Il vicesindaco Caterina Riccotti: "Abbiamo attivato la Consulta dello Sport, delle Politiche Giovanili (mi coadiuva in questo il consigliere Edoardo Morana), stiamo pensando all'attivazione di Play Ground, spazi sportivi all'aperto. Abbiamo riorganizzato i servizi sociali, stiamo puntando sui Luc, sul servizio trasporto disabili. Stiamo riaprendo l'asilo di via Nenni e la sua cucina. Entro dodici mesi renderemo fruibile la chiesa e il colle di San Matteo. Abbiamo posizionato le telecamere di videosorveglianza, collegate in wireless, in grado di lanciare l'allarme in tempo reale in caso di atti vandalici in quel sito.
Stiamo apredno l'Infopoint turistico a palazzo Spadaro, provvedendo a illuminare e rendere fruibile Chiafura, mentre allocheremo all'ex convento del Carmine la Fondazione Piero Guccione e uno spazio culturale pluriuso. A breve partiranno un cineforum e una rassegna teatrale.
Abbiamo inoltre avviato un dialogo al fine di firmare una convenzione con la Palomar per l'apertura al pubblico del Commissariato di Montalbano, a piano terra del Municipio. E' in itinere la programmazione estiva, con attenzione anche alle borgate".
L'assessore all'ambiente Lino Carpino: "Siamo stati autorizzati a conferire l'umido nell'impianto di Ramacca. Siamo in grado ora di fare differenziata vera. Circa le canne spiaggiate, il vertice palermitano di martedì 14 marzo dovrebbe consentirci di risolvere il problema della bonifica della spiaggia di Donnalucata". 

 
 
 

Per ulteriori informazioni:
Ufficio Stampa
Giuseppe Savà
Palazzo Municipale (primo piano)
Via Francesco Mormina Penna
Tel. 0932 839247
g.sava@comune.scicli.rg.it